dove le strade si incontrano…

…nascono nuove idee e nuove opportunità.

Nella continua ricerca del bello e emozionandosi e coraggiosamente continuando la ricerca del vero, da un incontro avvenuto su queste sponde IFDA Italian Fashion & Design Academy, Audio Graffiti e Viva Audio hanno deciso di offrire la possibilità di osservare ed ascoltare l’incontro tra Design, Tecnologia e Musica: nel cuore del Fuorisalone di Milano, ad un passo da questo luogo.

L’accademia IFDA ha fatto della concretezza la propria parole d’ordine. In accademia la Moda ed il Design si sperimentano in tempo reale: direttori artistici, professionisti della moda e strumenti d’avanguardia sono i garanti di una formazione che si svolge secondo il modello dello stage e della consulenza. Si tratta di eccellenze italiane, che si sviluppano in un percorso che è parte integrante del mondo della Moda e del Design.

Con questo spirito e con uguale passione Audio Graffiti e Viva Audio partecipano a questo scambio e incontro di eccellenze.

Le Allegro, un Solista e un Numerico compongono l’installazione musicale.

Il connubio tra studi approfonditi e progettazione accurata ha permesso di applicare nuovi materiali e moderne conoscenze a tecnologie tradizionali.

Il risultato è di estrema attualità: il risveglio di suoni ed espressioni.

Grazie all’inventiva, alla passione, alla dedizione di progettisti ed artigiani è stata realizzata una vera e propria Macchina del Tempo, capace di trasportarci e farci ripercorrere la sensazione e l’emozione Musicale.

Dal 4 al 9 aprile 2017 vi aspettiamo nella splendida sede di IFDA Italian Fashion & Design Academy, via Tortona 35 a Milano.

Bussate e vi sarà aperto.

Faggeto Lario: comunità unite dalla Storia

Sui monti, dove l’aria è fina, si costruiscono dimore e si tramandano usi, costumi e mestieri. Molina, Lemna e Palanzo: tre borghi, una sola strada carrozzabile che le unisce ora, tre mulattiere parallele a picco sul lago, un tempo unica via di accesso ai borghi, ora passeggiate che mettono alla prova fiato e gambe di chi, tra lago e monti, vuole scoprire o riscoprire ad ogni passo questo territtorio.

A lago le Rive, oggi unica Riva. Meta di turismo cittadino che, nei secoli, ha rispettato la riservatezza di questi luoghi. Storie di famiglie e ville, parchi e giardini, barche a remi e scorci unici sul lago.

Ora sono quattro, le comunità, e tutti senza riserve si sentono rappresentati da quei faggi che, uniti, sui monti, creano boschi splendenti di colori e giochi di luce. Ad ogni stagione nuovi, e ad ogni nuovo anno, uguali e fedeli a se stessi.

Vista dal Monte Palanzone

Lo potete osservare e toccare con mano anche voi: solidi e resistenti come la roccia di questo lago, gli abitanti del luogo sono i custodi di una conoscenza centenaria. Storia, Natura e Arti sono allo stesso tempo ispirazione e risultato del quotidiano in queste terre.

Perché qui

La prima volta che siamo passati su questa terra abbiamo sentito un brivido: lo stesso brivido che si prova quando ci si guarda negli occhi allo specchio.

Cinque anni dopo ci siamo trasferiti qui e ogni mattina e ogni volta che siamo qui, ormai da quattordici anni, ci basta guardare il lago, fare un profondo respiro, e ci sentiamo a casa, in pace con noi stessi e in pace con il mondo.

Da questo senso di benessere è nata l’idea della condivisione. Condivisione che si è presto trasformata in accoglienza, che ha trovato spazio in profonde amicizie e nuove scoperte. Ora questa accoglienza diventa scambio e quindi offerta, per riscoprire radici e autenticità.

In questo mondo che, sempre più dinamico e veloce, ha bisogno di pause e silenzi, così come la luce ha bisogno dello spazio, per illuminare, e la musica ha bisogno del silenzio, per risuonare, qui ci si concede il lusso di partecipare alla magia della Natura.

Se vi sentite luce e vi sentite musica provate a venire anche voi qui, per ricordarvi o riscoprire chi siete.

Il castagno verso Monte Piatto